Ti trovi in :: Itinerari > Via Ferrata Tordini Galligani  
Via Ferrata Tordini Galligani a Foce Siggioli
Alpi Apuane, 19 Luglio 2008
Via ferrata Tordini Galligani a Foce Siggioli, con ritorno per la Cresta di Capradossa e il Poggio Baldozzana.


Gruppo Pizzo d'Uccello
Punto di Partenza

Cave Cantonaccio (Ugliancaldo - MS)

Punto di Arrivo Cave Cantonaccio (Ugliancaldo - MS)
Dislivello Complessivo Ferrata 400 m.; Circa 550 m. di Cavo continuo;
Tempo di Percorrenza 7h 40' Compresa la sosta pranzo a Foce Siggioli
Punti di appoggio -
Difficoltà Ferrata lunga ed esposta, itinerario consigliato a chi non soffre di vertigini
Attrezzatura Set completo da ferrata
Percorso Automobilistico Empoli - Aulla - Codiponte - Casciana - Ugliancaldo - Cave Cantonaccio
Fotografie N° 85 foto disponibili -

Itinerario suggestivo in ambiente bellissimo grazie all' anfiteatro della parete nord del Pizzo d'Uccello che ci tiene compagnia durante quasi tutto il percorso.
Si lascia la macchina in località Cave Cantonaccio (3,5 km di strada sterrata dopo l'abitato di Ugliancaldo), nei pressi di una sbarra metallica che chiude la strada . Oltrepassando la sbarra, si prosegue a piedi per strada di cava, dopo pochi minuti di cammino, su una roccia si trova l'indicazione "Ferrata" . In circa 30 ' si giunge alla "Casa dei Vecchi Macchinari" ; Proseguendo sulla strada, poco dopo, su un tornante si trova l'indicazione "Ferrata Zaccagna" , che ci fà lasciare la strada, si attraversa un fosso e ci si immette sul sentiero (n° 187) in un fitto bosco. L'indicazione potrebbe trarre in inganno ma lo stesso sentiero porta, piegando subito a destra alla Ferrata Zaccagna, proseguendo dritto per o sviluppo naturale , all'attacco della Ferrata Tordini Galligani. Da quando si lascia la strada di cava in circa 45' si giunge all'attacco (1000 m.) . Sbarra --> Attacco Ferrata 1h.
La Ferrata è subito ripida, ma senza esposizione supera una bastionata ., da qui la visuale si apre decisamente sulla Parete Nord del Pizzo D'Uccello , l'esposizione aumenta, la ferrate si sviluppa su filo di cresta molto ripida, ma che con comodi scalini scolpiti nella roccia permettono di superare in sicurezza anche i passaggi più esposti . Da qui la Ferrata è più aerea e dopo qualche risalto roccioso , si giunge al passaggio chiave denominato il " Naso" nel quale si aggira un roccione, qui si raggiunge anche la massima esposizione. Superato il "naso" un'altro tratto verticale ci porta al "Belvedere" da qui inizia un lungo tratto di Cresta affilato ma con pendenze decisamente inferiori che ci porta all'uscita della ferrata poco sopra Foce Siggioli 1390 m. . Attacco Ferrata --> Foce Siggioli 2h:40'.
La discesa avviene per la Cresta di Capradossa e il Poggio Baldozzana . Il percorso in cresta, mai banale, supera Il Poggio Baldozzana 1330 m. per il sent. n° 181, poi entra in un boschetto per sbucare su dei pratoni dove si trova un segnavia denominato "Baldozzana" qui si prosegue per il segnavia n° 192 che si immette in un boschetto . Il sentiero quando dai prati si immette nel bosco non è affatto battuto, poco dopo i pratoni si esce dal boschetto su un crinalino dove si trova "un'omino di pietra" che segnala un cambio di direzione e che ci immette nel bosco più fitto.Da qui il sentiero è poco battuto e molto dismesso (molti alberi caduti), facendo attenzione a non perdere i segni rossi sugli alberi si giunge alla strada sterrata poco prima della sbarra dove abbiamo le macchine parcheggiate. Foce Siggioli --> Sbarra 2h:15' - Giro Totale 7h:40'



 

© Copyright Club Punta Questa 2008